NEWS
08 giugno 2022 alle 12.57

DIVIETO DI IRRIGARE, PIÙ CONTROLLI NEL FUCINO

Articolo visualizzato 196 volte

Carenza idrica, alcuni agricoltori ignorano le ordinanze. I Comuni sollecitano interventi del Prefetto

Un supporto, da parte dei carabinieri forestali , per controllare il rispetto dell’ordinanza che vieta l’irrigazione nel fucino durante i weekend. Questo l’appello che gli amministratori dei Comuni dove si trovano le maggiori colture orticole – Avezzano, Aielli, Celano, C, Cerchio, Collarmele, Luco dei Marsi, Ortucchio, Pescina, san Benedetto dei Marsi,, Gioia dei Marsi e Trasacco – hanno rivolto al Prefetto dell’Aquila, Cinzia Torraco, in occasione dell’entrata in vigore del nuovo orario che prevede lo stop all’irrigazione dal sabato alle 12 fino al lunedì alle 5.

“Tutte le realtà, fatta eccezione per Avezzano e Celano, hanno difficoltà a controllare che venga rispettato il divieto di irrigare a causa di carenza di personale in forza alla polizia locale”, commenta Giorgio Giovannone,  vicesindaco di Luco dei Marsi, “abbiamo chiesto al prefetto Torraco un supporto nei controlli, soprattutto durante la notte. Auspichiamo un intervento dei carabinieri forestali per far sì che si possa monitorare la situazione”.

Il rischio maggiore è quello di ritrovarsi tra pochi mesi con una forte carenza idrica. Lo stop all’irrigazione , dal fine settimana scorso imposto dal sabato al lunedì, è legato proprio alla volontà di risparmiare l’acqua e consentire la ricarica delle sorgenti.

Intanto, il Consorzio di Bonifica Ovest ha provveduto a risistemare tutti i cinque pozzi in località Balzone, nel territorio di Trasacco, e poi al pozzo collegato all’impianto irriguo di Luco dei Marsi, a strada 39, dai quali erano stati rubati nelle scorse settimane dei cavi di rame.

“Abbiamo sistemato tutti i pozzi dove c’erano stati i furti “, spiega Danilo tarquini, commissario del Consorzio, “abbiamo messo una toppa, perché ci rendiamo conto che non è la soluzione definitiva, e l’abbiamo fatto con i nostri fondi, perché nessuno ci ha dato un euro nonostante le richieste presentate alla Regione Abruzzo. Nei giorni scorsi abbiamo avuto anche dei problemi sulle pompe di due pozzi che però sono già in via di risoluzione. Per adesso l’acqua c’è, speriamo che piova così la situazione migliorerà. È chiaro che se si fa economia di acqua ora, e si usa in maniera intelligente, è un vantaggio per tutti”. (e.b.)

 

FONTE: IL CENTRO

lista categorie post più letti
Pubblicate le graduator ... 13 novembre 2015
Provvedimento per il nu ... 20 ottobre 2015